Sala specchi a lago, Villa Erba

In visita a Villa Erba, casa di Luchino Visconti

Sala specchi a lago, Villa Erba

Luchino Visconti descriveva così la sua dimora: “Villa Erba è una casa che noi amiamo molto, una vera villa lombarda, tanto cara. Ci riuniremo tutti la, fratelli e sorelle e sarà come al tempo in cui eravamo bambini e vivevamo all’ombra di nostra madre”.La storia
Il compendio di Villa Erba, nella sua attuale estensione, costituiva la parte principale della proprietà annessa al Monastero di Santa Maria Assunta di Cernobbio, retto dalle monache dell’ordine benedettino cluniacense.
La prima descrizione del monastero risale alla fine del quindicesimo secolo ed è contenuta negli atti della visita pastorale condotta dal Vescovo di Como Feliciano Ninguarda fra il 1589 e il 1593, secondo i quali il complesso ospitava 25 monache, le quali vi organizzavano un educandato ed amministravano le proprietà agricole.
Per ordine del Governo Austriaco, nel 1784, il Monastero di Santa Maria Assunta di Cernobbio venne disciolto e la proprietà immobiliare fu destinata ad essere assorbita nel “fondo di religione”, amministrato dalla Giunta Economale di Milano.
In seguito all’esproprio, la proprietà immobiliare venne scorporata, ed il nucleo costituito da chiesa, oratorio e monastero venne acquistata, nel 1816, dalla Contessa Vittoria Peluso, vedova del Conte di Paderno, già proprietario di Villa d’Este. Tale acquisto segnò la definitiva trasformazione dell’immobile in residenza aristocratica: la villa padronale venne ricavata nell’edificio del monastero, mentre i terreni circostanti furono trasformati in giardino all’inglese.
Alla morte della contessa, la proprietà passò ai nipoti, una dei quali, Peluso Giuseppa, maritata Cima, acquistò le quote degli altri comproprietari e cedette nel 1834 l’intero complesso al marito, dal quale, per successione, passò al figlio Cesare.
Nel 1882 Anna Brivio ed il commendator Luigi Erba, erede del fratello Carlo, fondatore dell’omonima società farmaceutica milanese, acquistarono la proprietà e decisero di costruire, tra il 1898 e il 1901 una nuova villa a lago, più ricca della già esistente Villa Nuova, a dimostrazione della potenza economica e della nobiltà della famiglia.
Gli Erba dimorarono spesso a Cernobbio, ricevendo illustri ospiti, artisti e personalità del mondo politico industriale. Convegni musicali, concerti e feste vivacizzavano l’atmosfera della villa ai primi del secolo.
Alla morte dei genitori la proprietà passò alla figlia Carla, la quale sposò a Cernobbio il duca Giuseppe Visconti di Modrone. Nei mesi estivi la famiglia, accresciuta dalla nascita di sette figli – tra i quali il noto regista Luchino Visconti –, vi trascorreva una buona parte delle vacanze e, quando donna Carla ed il marito si separarono, i periodi di permanenza a Villa Erba si allungarono. Donna Carla morì nel 1936. Durante la guerra la villa fu requisita dal Commissariato alloggi del comando germanico e, nel dopoguerra, suddivisa tra i fratelli Visconti, incominciò a rianimarsi: ripresero le tradizioni dei ricevimenti, balli e concerti.
Qui Luchino volle tornare quando, ammalatosi, all’apice della sua carriera, dovette sottoporsi ad un periodo di riabilitazione. A Villa Erba ultimò il montaggio del film “Ludwig”. Morì quattro anni più tardi.
Nel 1986 gli eredi Visconti cedettero la villa ottocentesca con gran parte dei terreni ad un consorzio pubblico che l’acquistò con l’intento di realizzarvi il complesso espositivo congressuale attuale.
La villa
Nota principalmente come dimora di Luchino Visconti, Villa Erba fu concepita a fine Ottocento, secondo l’ispirazione di tipo manierista, che le dona una carattere sfarzoso di immediata percezione.
Si articola in un complesso di portinerie, casa padronale, abitazione di servizio e foresteria, serra, darsena e scuderie. La villa si sviluppa su pianta quadrata, con ampie scalinate digradanti verso il lago, portico di ingresso ed una torretta panoramica che unisce la parte nobile all’ala di servizio, costruzione caratterizzata da una veste architettonica ben distinta dall’edificio principale, un tempo destinata agli alloggi della servitù.
Ciascun locale dell’edificio a due piani, è riccamente decorato dalle opere di Angelo Lorenzoli, il quale ideò e coordinò, coadiuvato per gli affreschi da Ernesto Fontana, l’insieme dei fregi variopinti, gli stucchi, le dorature, le pavimentazioni in ceramiche colorate, i legni pregiati e l’inserimento nell’architettura di particolari soluzioni di arredo e il riutilizzo di opere d’arte antiche nell’allestimento di pareti e soffitti. Gli affreschi di carattere figurativo sono opera del pittore Ernesto Fontana. Di grande qualità sono in molte stanze lampadari e torcere, così come i numerosi elementi di arredo, tra i quali la doppia serie di scanni di coro seicentesco in sala biblioteca, ancora, il prezioso rivestimento in “Cuoio di Cordova”, finemente lavorato e sormontato da un fregio di coronamento a putti dipinti ad olio su tela (di origine settecentesca proveniente da altra sede) che caratterizza il cosiddetto salottino giapponese o del the.
Di grande pregio sono, inoltre, i numerosi dipinti inseriti nelle decorazioni di pareti e soffitti tra i quali i celeberrimi strappi della ssala feste, attribuiti a Johann Christoph Storer, attivo in Lombardia nel 1600, e i decori di Angiolo D’Andrea, noto pittore della Bèlle Epoque milanese. I due grandi ritratti dei primi proprietari della villa, Luigi Erba e Anna Brivio, entrambi di Cesare Tallone, sono oggi tra le opere meglio conservate e situate alla base dello scalone che porta al primo piano.
Anche le sale del primo piano, sebbene con toni più domestici e meno imponenti rispetto agli sfarzi del piano terra, sono caratterizzate da raffinate decorazioni a parete, pavimenti e soffitti, tra i quali è d’obbligo citare il tondo ad olio con Madonna settecentesca, inserito nella pennellatura della parete.
Gli spazi esterni non coperti, immediatamente adiacenti alla villa, sono costellati di opere a carattere mitologico e storico, dello scultore Mazzuchelli, come i due leoni posti ai lati dell’ingresso delle carrozze sul lato ovest, verso il giardino.
È da ricordare, infine, come, nel corso degli anni, la villa sia stata oggetto di continue modifiche, le quali hanno permesso la sovrapposizione e la stratificazione di diversi interventi di grande sensibilità figurativa, interventi che documentano il gusto eclettico caratteristico dello stile del periodo.
In particolare, tra il 1920 ed il 1930, alcune variazioni sono state apportate nella distribuzione degli spazi e della sale: sono state collocate nuove vetrine nello spessore delle mura ed è stato realizzato un soffitto a cassettoni decorato con pregevoli dipinti neorinascimentali.
Attualmente, le ampie sale al pian terreno sono disponibili per la realizzazione di galà, banchetti, concerti ed eventi esclusivi, mentre le sale al primo piano, cui si accede attraverso un ampio scalone marmoreo, sono oggi sede degli uffici della società che gestisce il centro fieristico e congressuale internazionale.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*